Articolo

Il matrimonio ideale

Il matrimonio ideale

Qual è la vostra idea di matrimonio ideale?

Grande domanda. Kahlil Gibran nella sua poesia sul matrimonio qui sotto lo spiega benissimo, secondo lui, l’equilibrio interno alla coppia, bilanciato fra esterno e interno.

Io invece mi vorrei focalizzare su una questione più filosofica: qual è il vostro concetto di libertà?

La mia umile risposta è: non esiste. La libertà è un’illusione, altrettanto di altre idee tipo l’amore libero degli anni 70, e altre utopistiche utopie tipo le comuni e cose del genere di quel periodo.
Ritengo la libertà un’illusione in quanto siamo tutti ingabbiati in qualcosa: le idee stesse, i nostri pregiudizi, il nostro credo, i nostri istinti o ideali. 
In base a tutte queste sovrastrutture mentali compiamo azioni dirigendoci verso obiettivi, dettati da qualcuno o qualcosa, dal nostro io o da quello di un nonno, una zia o di un genitore. 
Nulla di male, ovviamente, solo per far capire che la nostra apparente libertà è sempre dettata da circostanze e idee non sempre verificabili o controllabili.

La mia idea di matrimonio “ideale” o almeno che si avvicini alla serenità?

Un equilibrio fra gli equilibri della coppia e il proprio concetto di libertà che dovrebbe essere in compatibilità. 
Insomma, un sistema di equilibri ed equilibrismi da curare, evitando la monotonia nella coppia. E in tal senso, non c’è alcuna differenza fra matrimonio e convivenza: solo un rito, che tutto sommato ha il suo fascino, unito alla voglia di crescere insieme.

Articolo inserito il 5/9/2021